LIBERI TUTTI


Sono come un filo di lana
che dal gomitolo si srotola
per raggiungere i luoghi, i profumi e i pensieri
di quando ero piccolo

di quando ci si nascondeva
per gioco e non per paura
con il fiato affannato, trattenuto in silenzio
per non farsi prendere

C'era sempre chi contava
con un occhio semichiuso
ma alla fine se barava
non era così doloroso

e...conta
conta finchè il tempo passi
poi cerca di riprenderli
corri fino a che c'è tempo
quel tempo giusto per nascondersi
aspettando che qualcuno poi si liberi

A volte sento ancora gli odori
dell'erba umida dei prati
quell'intenso sentore di muffa e pagliai
di quei nascondigli unici

Ancora avverto quell'incanto
di sguardi e frasi sussurrate
non pesava l'attesa e ricordo che il buio
era nostro complice

C'era sempre chi cadeva
sbucciandosi le mani
e anche se piangeva
non era così doloroso

e...conta
conta finchè il tempo passi
poi cerca di riprenderli
corri fino a che c'è tempo
quel tempo giusto per nascondersi
aspettando che qualcuno poi si liberi

e...conta
conta finchè il tempo passi
poi cerca di riprenderli
corri fino a che c'è tempo
quel tempo giusto per nascondersi
aspettando che qualcuno dica
“liberi tutti”.