VALZER STONATO


Attesa sciocca
l’inutile girar
di uno stecco
di liquirizia in bocca

un aspettar
che il tramonto, tramonti
su patate bollite
e schiaffi di rum

C’è chi aspetta così
che l’amore si avveda
e ritorni impazzito
con le lacrime alla preda

o chi gira e rigira
come una palla sulla schiena
ruvida e nuda
della roulette

C’è chi attende un figlio
C’è chi volta il foglio
C’è chi appende l’aglio
C’è chi cerca il meglio

Grave imprudenza
l’inutile cercar
tra le lenzuola
la tua pallida assenza

un decantar
di dolori dolenti
su cipolle tritate
e odor di caffè

C’è chi aspetta così
che l’amore si avveda
e ritorni impazzito
con le lacrime alla preda

o chi gira e rigira
come una chiave nella porta
squallida e dura
della toilette

C’è chi attende un figlio
C’è chi volta il foglio
C’è chi appende l’aglio
C’è chi cerca il meglio

Io invece non aspetto più
e lascio tutto ad annacquarsi un po’
per non ubriacarmi più di te
La notte è ancora lieve
tra l’incanto e il mio bicchiere
ascolto illacrimato
il mio solito valzer stonato